Archivi della categoria: News in evidenza

«Comunicare (ad) arte». Venerdì 5 aprile 2024, ore 17.30

Come comunicare la bellezza del patrimonio culturale che si sta accuratamente custodendo? In che modo far conoscere un appuntamento, un evento, un’iniziativa che valorizzi tale patrimonio? Come condividere oggi il messaggio che un autore ha affidato a una sua opera? Sono alcune delle domande a cui proverà a dare risposta un incontro intitolato «Comunicare (ad) arte» organizzato dalla Biblioteca “P. Bertolla” del seminario arcivescovile di Udine assieme all’Ufficio per la pastorale delle comunicazioni sociali dell’Arcidiocesi udinese e in collaborazione con il Museo diocesano e Gallerie del Tiepolo di Udine. . Appuntamento venerdì 5 aprile alle 17.30 nella sala della biblioteca del seminario, con ingresso da via Ellero n. 3 a Udine.

«L’iniziativa nasce dalla constatazione che spesso abbiamo tra le mani dei grandi tesori, ma non sappiamo raccontare la loro bellezza» afferma Carla Pederoda, bibliotecaria del seminario arcivescovile. «Per la valorizzazione del patrimonio culturale – prosegue – è quindi necessario prendere coscienza dell’importanza delle dinamiche della comunicazione e delle potenzialità offerte dai moderni strumenti informativi».

Da qui l’idea condivisa con il direttore delle Biblioteche diocesane, mons. Sandro Piussi, di unire le forze e le competenze di due realtà molto diverse – in ambito bibliotecario e comunicativo – per proporre un incontro rivolto principalmente a chi opera in realtà culturali radicate nel territorio (come biblioteche, gallerie, musei), non necessariamente in ambito ecclesiale, senza dimenticare tutti coloro che si spendono con dedizione per la valorizzazione di diverse forme d’arte e beni culturali presenti nelle Parrocchie e nelle Collaborazioni pastorali.

All’incontro interverranno Giovanni Lesa, direttore dell’Ufficio diocesano per le Comunicazioni sociali, e Silvia Sgiarovello, social media manager freelance che anima le pagine digitali del Museo diocesano e Gallerie del Tiepolo di Udine.

La partecipazione è gratuita, ma dato il numero limitato di posti disponibili è stato attivato un modulo di iscrizione on-line su www.comunicazionisociali.diocesiudine.it oppure su bibliotecaseminario.diocesiudine.it.

Potete scrivere anche a: biblioteca@seminario-udine.it

 


Ermes Ronchi, “Ascoltarlo era rimanere accesi. Per un cammino liturgico in famiglia”. Libreria Paoline, in via Treppo 5 a Udine, giovedì 21 marzo alle 18.00.

Anche quest'anno si rinnova la collaborazione della Biblioteca con la Libreria Paoline di Udine. Iniziamo giovedì 21 marzo alle 18.00, presso la Libreria Paoline con la presentazione dell'ultimo libro di Ermes Ronchi, presbitero e teologo italiano dell'Ordine dei Servi di Maria, docente di estetica teologica e iconografia a Roma. Scrittore di temi biblici e spirituali, collabora anche con diverse testate giornalistiche. Dialoga con lui Peruzzo Caterina, modera Paolo Zoratti.

Presentazione:
«Io credo nella buona notizia di Isaia, Giovanni, Gesù. Lo credo non per un vacuo ottimismo. Il cristiano non è un ottimista, è uno che ha speranza. L’ottimista tra due ipotesi sceglie quella positiva. Io scelgo il Regno per un atto di speranza: perché Dio si è impegnato con noi, con un intreccio così scandaloso con la nostra carne da arrivare fino alla morte di croce». Così padre Ermes Ronchi ribadisce il proprio credo e rimanda a noi il progetto-speranza che da sempre lo contraddistingue. In queste pagine, ricche di meditazione e di poesia, possiamo avvicinarci in maniera semplice e profonda alla Parola di Dio che scandisce il cammino di questo anno liturgico che sta per iniziare. Per ogni domenica e ogni festa saremo accompagnati da riflessioni e preghiere che arricchiranno il nostro approccio alla liturgia, ma che potranno anche essere lette come una sorta di breviario per i nostri giorni alla ricerca di “buone notizie” e di positività con lo sguardo rivolto a un Dio che sempre ci ama.
Giovedì 21 marzo alle 18.00, presso la Libreria Paoline, in via Treppo 5 a Udine.

Pietro Ioly Zorattini, Per un’identità possibile. Ebrei e “infedeli” a Venezia in età contemporanea tra libertà e necessità. Mercoledì 20 marzo, ore 18.00

Gli Incontri in biblioteca riprendono mercoledì 20 marzo, ore 18.00 presso la sala studio della biblioteca, via Ellero, 3 o Viale Ungheria, 18. La Biblioteca del Seminario e l'Istituto Superiore di Scienze Religiose “Santi Ermagora e Fortunato” GO-TS-UD, presentano l’ultimo lavoro del docente di Storia delle Religioni all’Università di Udine, Pietro Ioly Zorattini, Per un'identità possibile. Ebrei e “infedeli” a Venezia in età contemporanea tra libertà e necessità, in un incontro-dialogo tra l'autore e Marco Grusovin, docente di filosofia presso la Facoltà Teologica del Triveneto.

“Uno” e “molti”, “identità” e “differenza”, “uniformità” ed “eterogeneità” sono i temi che probabilmente hanno ossessionato la storia dell’Occidente in età moderna e contemporanea senza trovare ancora soluzioni universalmente valide e accettate.
Con questo suo volume Pietro Ioly Zorattini indaga sul fenomeno delle conversioni religiose al cattolicesimo avvenute a Venezia dall’Ottocento fino alla Grande Guerra (1914-18) alla luce delle fonti della “Casa dei catecumeni” e nel contesto generale delle conversioni nell’Italia dell’età contemporanea.
L’autore analizza in maniera scrupolosa le vicende degli appartenenti per lo più a quattro minoranze etnico-religiose maggiormente presenti a Venezia: musulmani, ebrei, protestanti e ortodossi, che si sono mossi in direzione del cattolicesimo apparentemente ai fini di una maggiore integrazione non solo culturale e spirituale ma anche economica e sociale.
Nel corso dell’indagine l’Autore rileva, a partire dall’Ottocento, la progressiva maggiore rilevanza dei concetti di tolleranza e integrazione sia da un punto di vista politico che sociale, e la conseguente diminuzione delle conversioni in direzione di una società più aperta.
Questa tendenza si interrompe tragicamente nel Novecento in Europa soprattutto con la proclamazione delle leggi razziali sotto il Fascismo e il Nazismo lasciando aperte, ancora una volta, tutte le questioni sull’identità e l’appartenenza che ancora oggi ci interrogano e che abbiamo davanti agli occhi.

Pietro Ioly Zorattini, Per un’identita’ possibile. ebrei e “infedeli” a venezia in eta’ contemporanea tra liberta’ e necessita’, Morcelliana, Brescia 2023 (Quaderni di Studi e Materiali di Storia delle Religioni; 29).


LA CARTE DEI SERVIZI MAB. VERSO UN SERVIZIO COMUNE PIÙ TRASPARENTE

Percorso formativo per responsabili e collaboratori degli istituti culturali ecclesiastici

Nell’Aula Tesi della la Facoltà Teologica del Triveneto in via del Seminario 7 a Padova si terrà il percorso formativo per responsabili e collaboratori degli istituti culturali ecclesiastici organizzato dalla Consulta per i Beni Culturali della Conferenza Episcopale del Triveneto. Il percorso sarà articolato in due incontri: il primo avrà luogo il 19 marzo 2024 e il secondo il 4 giugno 2024.

Per l’occasione la biblioteca resterà chiusa.


San Giorgio in Vado a Cividale del Friuli: storia e patrimonio artistico. Convegno internazionale a Cividale del Friuli, 9-10 marzo 2024

Presso il Complesso di San Francesco, piazza san Francesco di Cividale del Friuli si terrà un importante convegno sulla storia dell'arte del ex-monastero di San Giorgio situato a sud-ovest di Cividale del Friuli, nella frazione di Rualis.

Il complesso di San Giorgio in Vado presso Cividale del Friuli – un importante monumento finora poco indagato se non limitatamente ad alcune delle opere d’arte conservate – è stato scelto quale punto focale di un convegno internazionale che, coinvolgendo studiosi di differenti specialità e provenienti da Austria, Croazia, Italia, Slovenia e Spagna.

Si propone di offrire una panoramica quanto più ampia possibile sulla storia e sull’arte di questo complesso estendendo l’indagine alle relazioni intercorse con le Comunità francescane in Friuli e nella vicina Slavia, in primis con il Convento di Kostanjevica (Nova Gorica/Slovenija).

Il convegno è propedeutico al restauro di alcune opere d’arte presenti in San Giorgio e in particolare all’intervento riguardante l’abside (finanziato con fondi PNRR), presentando in anteprima i risultati di carattere storico-artistico e tecnico acquisiti nel corso delle indagini preliminari al restauro medesimo.

Il convegno si inserisce in un più ampio progetto che si concluderà nel prossimo autunno con l’allestimento – nella stessa chiesa di San Giorgio – di una mostra dedicata all’arredo liturgico e alle suppellettili del Convento, con pregevoli esemplari per la maggior parte esposti per la prima volta, uniti a manufatti concessi in prestito da collezioni pubbliche e private.

Concerto “Nel carisma di Francesco”, Sala degli archi. Sabato 9 marzo, ore 19.30

L’esemplarità di San Francesco – la cui storia di beatitudine e santità è contraddistinta da una dimensione largamente umana – affascina tutt’oggi per l’intrinseco grado di virtuosità. Né doveva essere altrimenti durante la sua vita in terra, dato il numero di scritti a lui dedicati, anche d’impianto agiografico, e l’attenzione in àmbito musicale ai temi che più lo rappresentano: la rettitudine del vivere, l’abbraccio incondizionato della povertà e dell’umiltà, la creazione di una nuova regola monastica e l’attenzione alla vocazione anche femminile, l’amore poeticissimo per il creato. Nel nome di questi valori gli viene affiancata la figura di Maria, protettrice dell’Ordine francescano e perno tematico di numerosi brani in programma. Un intenso percorso di ascolto e di meditazione ispirato ed esaltato dal carisma stesso che emana da Francesco, santo di finissima sensibilità.

San Giorgio in Vado a Cividale del Friuli: storia e patrimonio artistico
9-10 marzo 2024

Complesso di San Francesco, Cividale del Friuli
piazza San Francesco

Ingresso Libero

 

Programma:

Sabato 9 marzo 2024

15.00 Saluti istituzionali

15.30 Introduzione al convegno:
il complesso di San Giorgio in Vado
Lorenzo Favia Centro internazionale di studi monastici
Maurizio d’Arcano Grattoni Università di Udine
Francesco Fratta de Tomas Università di Udine

Ordini monastici e conventuali: lingua, cultura e arte tra il Friuli e la vicina Slavia

16.00 Rainer Weissengruber Kollegium Aloisianum(Linz/A)
Le regole monastiche dell´età tardo-antica e del primo Medioevo: contenuti e linguaggi

16.30 Andrea TilattiUniversità di Udine, Deputazione di Storia Patria del Friuli
Presenze religiose femminili nel Cividalese nel tardo Medioevo

17.00 Federico Vicario Università di Udine, Società Filologica Friulana
Fondi cividalesi e friulano delle origini

17.30 Mirjam Brecelj Biblioteca Frančiškanski Samostan (Nova Gorica/SLO)
La Biblioteca Stanislav Škrabec del Convento della Kostanjevica

18.00 Jasenka Gudelj Università Ca’ Foscari
La chiesa di San Francesco a Cherso

Domenica 10 marzo 2024

Il contesto di San Giorgio in Vado: prati e giardini

9.30 Pierpaolo Zanchetta Regione Autonoma FVG -Servizio biodiversità
Intorno a San Giorgio in Vado: prati stabili tra ecologia contemporanea e storia

10.00 Lorenzo Favia Centro Internazionale di studi monastici
I giardini storici di San Giorgio in Vado
San Giorgio in Vado: archeologia, arte, arredi e suppellettili

11.00 Angela Borzacconi Museo Archeologico Nazionale di Cividale del Friuli
Il complesso di San Giorgio in Vado: la voce dell’archeologia. Ricerche e prospettive

11.30 Stefano Tracanelli Restauratore
Gli affreschi di San Giorgio in Vado

15.00 Sandro Piussi Archivi e Biblioteche diocesane di Udine
Thomas Becket, culto e iconografia nelle stagioni della Chiesa aquileiese

15.30 Marco Vignola storico medievista
La rappresentazione delle armi negli affreschi di San Giorgio in Vado

16.00 Erica Martin storica del tessile
I parati ecclesiastici di San Giorgio in Vado

16.30 Voravit Roonthiva Universitat Rovira i Virgili (Tarragona/E)
The prismatic typology of Medieval choir stall: the unpublished example of
San Giorgio in Vado

Sabato 9 marzo 2024 -ore 19.30, Cividale del Friuli, Complesso di San Francesco, Sala degli archi
Concerto Nel carisma di Francesco
InUnum Ensemble: Elena Modena, Ilario Gregoletto